Sarà Flamengo-Atalanta la finale del Dossena

Calcio Trofeo  Dossena

Finiscono entrambe ai rigori le semifinali, la spuntano Flamengo e Atalanta.

.

FLAMENGO: Hugo, Gabriel Kazu, Aderlan, Natan, Ramon, Vinicius (37′ st Henrique), Luiz Henrique, Bill, Vitor Gabriel (14′ st Yuri), Ricardo, Wendel (34′ st Nathan).
A disposizione: Darub, Vitinho, Alves, Lenin
Allenatore: De Moraes Torres

CHIEVOVERONA: Zanchetta, Salvaterra, Ndrecka, Karamoko, Midolo, Gianola, Juwara, Enyan (1′ st Corti), Ibrahimi (17′ st Pedroni), Zuelli, Tuzzo.
A disposizione: Pavoni, Raffa, Martini, Hannioui, Nasic.
Allenatore: Luca Prina.

Arbitro: Sig. Sangalli Matteo della Sez. di Treviglio
Assistenti di Linea: Sig.Marra Riccardo della Sez. di Milano e Sig. Nicosia Salvatore della Sez. di Saronno
Ammoniti: Karamoko

CREMA (CR) – Avvio devastante del Flamengo, che a metà frazione sferra un letale doppio colpo per il 2-0. Al 19′ fantastica azione tra Wendel e Luiz Henrique, che mandano in profondità Bill, bravissimo a incrociare in rete sul palo più lontano. Il Chievo accusa il colpo e incassa il raddoppio: al 25′ Vitor Gabriel incorna in rete il raddoppio carioca.
Nella ripresa i clivensi insistono e riaprono il match: al 28′ Tuzzo svetta tra due difensori brasiliani e colpisce di testa per il 2-1. I gialloblù non mollano e trovano il clamoroso pareggio al 4′ di recupero: Salvaterra si lancia sul pallone all’ultimo assedio e gonfia la rete con l’incredibile 2-2.
Nella lotteria dei tiri di rigore decisivo l’errore del Chievo di Zuelli, la trasformazione decisiva è quella di Yuri, che manda in finale i brasiliani

ATALANTA – CREMONESE 4 – 2 d.c.r.
(1 – 1 dopo i tempi regolamentari)
13′ st Peli, 21′ st autorete

Kraja: Gol – Gallina: Gol
Pedrini: Gol – Vitali: Parata
Rinaldi: Gol – Viola: Parata
Salvi:

ATALANTA: Pavan (32′ pt Piccirillo), Carminati, Zanoni, Kraja, Alari, Salvi, Peli, Rinaldi, Nivokazi (22′ st Pedrini), Rizzo Pinna (15′ st Cambiaghi), Elia (15′ st Da Riva).
A disposizione: Zortea, Cavalli, Capanna.
Allenatore: Massimo Brambilla

CREMONESE: Barosi, Missaglia (24′ st Palla), Forni, Massari, Poledri (7′ st Cella), Gallina, Bertolotti (30′ st Perotta), Guindani, Vitali, Viola, Spaviero (12′ st Galtarossa).
A disposizione: De Bono, Alghisi, Ghidoni.
Allenatore: Giorgio M. Gatti

Arbitro: Sig. Francesco Aloise della Sez. di Lodi
Assistenti di Linea: Sig- Eusebiu Nechita della Sez. di Lecco e Sig. Simone Asciamprener Ranieri della Sez. di Milano

CREMA (CR) – Primo tempo molto bloccato tra le due formazioni lombarde: un’occasione per parte, con la conclusione di Bertolotti dal limite a sfiorare l’incrocio dei pali al 17′ e la percussione di Elia, autore di un grande spunto, ma impreciso nella finalizzazione.
In avvio di ripresa la Dea parte forte: Nivokazi non riesce a insaccare un rigore in movimento, ma i nerazzurri continuano a pressare. Il gol è nell’aria e non tarda ad arrivare: grande inserimento palla al piede di Peli, che scarica in rete l’1-0 al 12′.
La Cremonese ha un sussulto d’orgoglio e pareggia i conti: dopo una parata prodigiosa di Piccirillo, che para a terra sugli sviluppi di un’incornata grigiorossa, il neo-entrato portiere nerazzurro cade sul corner seguente, incassando incolpevole l’autorete dell’1-1.
Anche la seconda semifinale si decide ai rigori: decisive le parata di Piccirillo su Vitali e Viola, che volgono la contesa a favore dei nerazzurri. La trasformazione mancina di Salvi porta l’Atalanta in finale!