Il Pergo approfitta di un Caravaggio autolesionista

Schermata 2015-12-06 alle 19.09.07Calcio serie D : Pergolettese-Caravaggio 3-2

I Biancorossi ne combinano di tutti i colori in difesa e il Pergo ne approfitta. .

Reti: p.t.32°Rossi su rig.,37°Valente; s.t.3°e 28°su rig. Deangelis,33° aut. di Noris,
PERGOLETTESE: Prisco, Arpini, Donida, Tacchinardi amed., Scietti, Anelli, Iorianni, Conti, Rossi(18°s.t.Cesca), Valente(43°s.t.Brunetti), Boschetti.
a disp. Donnarumma, Zanoni, Simonato, Defendi, Molinelli, Cassani.
All. Tacchinardi Alessio
CARAVAGGIO: Stuani, Crotti(46°s.t.Delcarro franc.), Panara, Noris, Vigani, Di Maio, Manzoni, Sandrini, Deangelis, Peli(30°s.t.Delcarro andrea), Alloni(21°s.t.Capelli).
a disp. Vimercati, Moriggi, Mapelli, Buzhala, Facchinetti, Lamesta.
All. Romualdi Roberto
Arbitro: Bonaldo di Conegliano
Ammoniti: Scietti, Anelli, Rossi,Vigani, Sandrini
Espulso al 34°s.t.Di Maio per proteste
Note: giornata fredda, terreno in buoine condizioni,spett. 400 circa, angoli 5-2, rec. 1+4

Vince soffrendo il Pergo che gioca una gara in chiaro scuro dopo una settimana di grandi polemiche per note vicende di mercato, enfatizzate oggi dagli ultras gialloblù che non si sono presentati per protesta nel primo tempo esponendo uno striscione polemico. Tacchinardi che rivoluziona ancora la formazione con il rientro a centrocampo del suo omonimo Amedeo e due punte rapide come Rossi e Valente. La gara è stata condotta inizialmente dal Caravaggio, probabilmente per scelta tattica dei gialloblù che hanno lasciato l’iniziativa agli ospiti, ma dal 24′ con la prima occasione di Valente la gara cambiava ed il Pergo aveva diverse occasioni da rete e segnava due gol sfruttando clamorosi errori della difesa bergamasca. Stesso discorso nel secondo tempo dove per 30′ il Pergo spariva dal campo lasciando l’iniziativa ai biancorossi che pareggiavano con una doppietta di De Angelis. Reazione del Pergo che segna il gol vittoria in modo rocambolesco ma ugualmente prezioso. La partita dei gialloblù è stata preoccupante all’inizio dove ha costruito poco o nulla lasciando che il Caravaggio diaciassettesmo lo mettesse in difficoltà. Nella seconda parte del primo tempo invece i gialloblù hanno sfruttato bene gli errori ed orrori avversari per portarsi avanti di due reti. Con la partita in mano però la squadra di Tacchinardi nel secondo tempo si è ritirata di nuovo indietro, denotando una mancanza di personalità non colpendo mai in contropiede e subendo giustamente il pareggio ospite. L’ennesimo doppio errore del Caravaggio ha regalato alla Pergolettese il terzo gol e solo allora e con l’uomo in più ha dominato la gara. Quindi i gialloblù tirano un sospiro di sollievo per la vittoria ma gioco e personalità devono ancora crescere molto ripartendo da zero dopo la mezza rivoluzione del mercato non ancora completata.