Mantova vince e avvicina la salvezza

Calcio Lega Pro Mantova – Renate 1-0.

 Mantova: Festa; Cardin, Vecchi, Olivi, Pondaco; Gilioli (dal 15’st Creati), Uliano, Schiavini; Cavagna (dal 9’st Zanetti), De Respinis (dal 23’st Rickler), Floriano A disposizione: Bavena, Donazzan, Baltieri, Fioretti. All: Sabatini

 Renate: Cincilla; Adobati, Gavazzi, Riva, Morotti; Gualdi (dal 15’st Baldo), Malgrati, Chimenti; Muchetti, Spampatti (dal 37’pt Scaccabarozzi)(dal 17’st Florian), Castellani. A disposizione: Marcandalli, Bonfanti, Adorni, Mascheroni. All: Boldini

 Reti: 40’pt Cavagna (M)

 Ammoniti: Uliano (M); Muchetti, Malgrati, Chimenti, Adobati (R)

 Espulsi: al 21’st Olivi per gioco violento, 46’st Baldo per fallo da ultimo uomo.

 Angoli: 9 a 0 per il Renate

 Arbitro: Sig. Riccardo Panarese di Lecce coadiuvato dai Sigg. Manco di Vibo Valentia e Maiorano di Rossano

 Recupero: 3’ + 6’

 Spettatori: 2.100 circa

DA UFFICIO STAMPA RENATE CALCIO

Mantova: Le pantere ci provano fino alla fine ma le tante azioni offensive prodotte in superiorità numerica non hanno sortito particolari problemi alla porta di Festa. Tutto sommato una partita equilibrata che ha visto i padroni di casa segnare su un guizzo del pericoloso Floriano.

 

La partita era tanto attesa dai tifosi mantovani che hanno risposto presente assiepando le tribune del “Martelli” di Mantova. I biancorossi sono partiti alzando subito il ritmo del gioco ma i nerazzurri non sono certo stati da meno. La prima azione degna di nota si registra al 14’ quando Festa devia in angolo una punizione a giro di Chimenti. Dieci minuti più tardi è Spampatti che si libera bene del suo marcatore e servito in profondità conclude in diagonale. Sulla sfera si avventa l’estremo difensore di casa che sventa il pericolo. Il Mantova spinge in avanti in più occasioni ma non riesce a creare manovre che possano essere incisive. Al 38’ una staffilata da fuori di Adobati si spegne di poco alta sopra la traversa. Due minuti più tardi le pantere subiscono gol. Ripartenza dalle retrovie e palla in profondità per Floriano che supera Riva in velocità e mette in mezzo per l’accorrente Cavagna che solo davanti a Cincilla riesce a piazzare il pallone in rete nell’angolino basso alla sinistra del numero uno renatese.

 

Il primo tempo si chiude quindi con il vantaggio dei mantovani che al primo vero tiro nello specchio della porta hanno segnato.

 

 

La ripresa, nei primi venti minuti, non offre spunti interessanti. L’unico brivido per i ragazzi di Boldini arriva al 6’ quando Cavagna allarga per Gilioli che in diagonale conclude a lato. Gli equilibri in campo cambiano al 21’ quando Olivi rifila una gomitata sul volto di Florian meritandosi il sacrosanto rosso diretto estratto dall’arbitro. Da questo momento in poi il Mantova si chiude nella propria metà campo provando ad usare l’arma del contropiede con Floriano mentre i brianzoli si riversano in avanti. Al 29’, discesa di Adobati sulla destra, dribbling ad eludere l’intervento di due avversari e palla per Muchetti all’interno dell’area di rigore. L’esterno bresciano calcia di prima intenzione con Festa che respinge come può. Nel finale di gara altre emozioni. Al 42’, Floriano lanciato a rete in solitaria si allarga cercando di saltare Cincilla ma nel momento di concludere non è abbastanza lucido e spedisce altissimo sopra la traversa. Il Renate tenta il tutto per tutto appostandosi all’interno dell’area di rigore in attesa del giusto cross da insaccare in rete. Al 46’, Zanetti sfrutta la sua velocità per partire in contropiede. Baldo si inserisce sulla traiettoria sbilanciando l’attaccante veronese. L’arbitro, forse un po’ troppo severamente, lo espelle per fallo da ultimo uomo quando c’era però Gavazzi sulla stessa linea. Sei minuti di recupero con il Renate che ci prova in tutte le maniere non trovando però lo spiraglio giusto per colpire.

 

 

Finisce così con una sconfitta amara per l’undici renatese. Ora però bisogna ripartire perché alle porte ci sono due gare fondamentali per il raggiungimento dell’obiettivo. Castiglione in casa e Bra in trasferta. Le pantere dovranno farsi trovare pronte.