Reggiana-Freestyle Bergamo 5-2

Rabbia Reggiana, Bergamo k.o.

I granata vincono la gara grazie ad un ottimo primo tempo chiuso per 3-1; nella ripresa un Bergamo più intraprendente non riesce a ribaltare la situazione. Finisce 5-2.

REGGIANA

5

FREESTYLE BERGAMO

2

REGGIO EMILIA – Si scaglia sul Freestyle Bergamo la rabbia della Reggiana. Con un gran primo tempo, i granata cancellano i residui bellicosi della settimana prima e vincono meritatamente contro un Freestyle Bergamo troppo timoroso e poco aggressivo nella prima frazione, al quale non basta una buona ripresa per riequilibrare le sorti della gara. Un passo falso che probabilmente allontana definitivamente i rossoblù da speranze di playoff, quasi certi, al contrario, per gli emiliani.

Con la squadra al completo, i ragazzi di mister Dell’Olio, partono subito all’assalto andando in rete dopo due minuti con il solito destro di Dudù Costa, dopo che Ghisleni aveva già dovuto intervenire in un paio d’occasioni. Mister Santini, privo dell’influenzato Siccardi, è costretto all’immediato timeout per fermare il brutto inizio dei suoi ragazzi.

Neanche il pareggio di Ghezzi, bravo a deviare il tiro su punizione di Stefano Conte, sveglia i rossoblù, lenti, spenti e poco combattivi. Gli emiliani continuano a dettare il ritmo e tornano in vantaggio all’8′ con Antonietti, che segna direttamente con una punizione dal limite. La reazione del Bergamo tarda ad arrivare mentre la Reggiana continua nel suo dominio, con Zaccone praticamente inoperoso.

Al 13′ i padroni di casa triplicano grazie al colpo di tacco di Felipe, risolvendo una mischia davanti all’area di Ghisleni, dopo un batti e ribatti che alla fine favorisce il giocatore granata. Prima della pausa c’è spazio per il tiro da fuori area di Sorzi che scheggia il palo alla sinistra di Zaccone.

Nei primi minuti della ripresa, il Bergamo prova ad alzare il livello di pressione della difesa ma, al 3′, Antonietti scappa via in contropiede e regala ancora a Dudù Costa, il facile appoggio per il 4-1. La Reggiana abbassa l’intensità di gioco e il Bergamo guadagna metri. Il pressing orobico mette in difficoltà il rilancio granata ma, offensivamente, i rossoblù non riescono a sfondare il muro difensivo avversario, trovando anche in Zaccone un portiere all’altezza.

Solo al 14′ il Freestyle riesce ad accorciare le distanze con Riccardo Conte imbeccato dall’angolo da Gacnik sugli sviluppi di una punizione. Negli ultmi due minuti, Santini inserisce lo stesso Gacnik al posto di Ghisleni come portiere di movimento per un ultimo assalto; i padroni di casa reggono bene in difesa tant’è che, a diciassette secondi dalla sirena finale, Luan Costa infila, da centrocampo a porta sguarnita, il 5-2 conclusivo.

Ora, nella sosta di settimana prossima, i rossoblù cercheranno di recuperare al meglio forze ed energie, falcidiati in settimana dall’influenza e da alcuni acciacchi fisici, per uno sprint finale di sei partite.

REGGIANA: Zaccone, Regina, Brex, Antonietti, Dudù Costa; Luan Costa, Felipe. N.e. Battaglia, Bressan, Senese, Malagoli, Semache. All. Dall’Olio.

FREESTYLE BERGAMO C5: Ghisleni, Otelli, Sorzi, Pisante, R. Conte; S. Conte, Ghezzi, Passi, Gacnik. N.e. Tirana, Rochester, Vecchi. All. Santini

ARBITRI: Marinaro di Pinerolo, Fabrizio di Avellino.

RETI: 2′ Dudù Costa (R), 6′ Ghezzi (B), 8′ Antonietti (R), 13′ Felipe (R), 23′ Dudù Costa (R), 34′ R. Conte (B), 40′ Luan Costa (R).

AMMONITI: 14′ Regina (R), 39′ Otelli (B).

NOTE: primo tempo 3-1; angoli 5-8; falli: 1T. 4-3, 2T 3-4 Tiri liberi: Reggiana 0/0; Freestyle Bergamo 0/0.